Pubblicato da: italiaintelligente | 14 gennaio 2015

Altro che moderati: nel Corano i precetti dei Killer

8 gennaio 2015

Corano i precetti dei killer
La carneficina della redazione del giornale francese mostra all’Occidente la verità che ci rifiutamo di vedere. È il Corano a prescrivere l’omicidio contro gli “infedeli”

di Magdi Cristiano Allam
(mussulmano convertito al cristianesimo)

Ciò che veramente mi sconvolge è il fatto che, subito dopo la condanna di rito e scontata della strage nella sede di Charlie Hebdo , la preoccupazione generale di tutti, quasi tutti, dal presidente americano Obama al presidente della Camera Boldrini, è di scagionare l’islam sostenendo che l’islam è una religione di pace, che Maometto non c’entra, che la stragrande maggioranza dei musulmani «moderati» sono contrari alla violenza e che i terroristi islamici sono una scheggia impazzita che offende il «vero islam». Eppure se c’è un caso emblematico che ci fa toccare con mano la contiguità e la consequenzialità sul piano del pensiero e dell’azione tra i sedicenti musulmani moderati e i terroristi islamici è proprio questo caso specifico che mette a confronto il divieto assoluto di raffigurare Maometto, precetto condiviso da tutti i fedeli di Allah, con l’esercizio della libertà d’espressione che è il fulcro della nostra civiltà occidentale.

Questa strage è la punta dell’iceberg di un contesto saturo di odio per la diffusione di vignette satiriche nei confronti del profeta dell’islam, alimentato e condiviso da lunghi anni da tutti i musulmani di Francia.

A partire dai «moderati» della Grande Moschea di Parigi, che rappresenta l’islam istituzionale ed è il referente del governo francese, e dai militanti «moderati» dell’Uoif (Unione delle organizzazioni islamiche in Francia) che s’ispirano all’ideologia dei Fratelli musulmani, che nel 2007 intentarono e persero un processo contro Charlie Hebdo perché aveva ridiffuso delle vignette su Maometto bollate come blasfeme pubblicate dal quotidiano danese Jyllands-Posten . Così come altri terroristi islamici, evidentemente meno professionisti di quelli di ieri, avevano devastato nel 2011 la sede di Charlie Hebdo con una bottiglia molotov.

Quella di ieri è stata una vera e propria azione di guerra condotta da terroristi che hanno combattuto e che uccidono spietatamente i nemici di Allah. Probabilmente si tratta di reduci dalla Siria o dall’Irak, dove si stima che almeno 600 cittadini francesi si siano uniti ai terroristi dell’Isis, dello Stato islamico dell’Irak e del Levante. Una realtà che ci obbliga a prendere atto che il terrorismo islamico nella sua versione più feroce è ormai un fenomeno endogeno, interno all’Europa, e che i suoi protagonisti sono cittadini europei musulmani. Così come nel maggio 2013 due terroristi islamici britannici, di origine nigeriana, decapitarono a Londra il soldato venticinquenne Lee Rigby, ieri a Parigi abbiamo assistito a un atto di guerra inedito per il contesto urbano europeo.

La Francia, che è il Paese europeo che accoglie il maggior numero di musulmani è, insieme alla Gran Bretagna, il Paese multiculturalista per antonomasia, quello più a rischio di attentati terroristici islamici. E non è un caso.

Quanto è accaduto evidenzia il fallimento di un modello di convivenza che precede il fallimento dell’attività dei servizi di sicurezza.

Alla base c’è l’ideologia del relativismo con cui noi europei ci autoimponiamo di non usare la ragione per non entrare nel merito dei contenuti delle religioni, perché aprioristicamente le vogliamo mettere sullo stesso piano attribuendo così a ebraismo, cristianesimo e islam la stessa valenza, finendo per legittimare l’islam a prescindere da ciò che prescrive il Corano e da ciò che ha detto e ha fatto Maometto.

Così come c’è l’ideologia parallela del multiculturalismo che ci ha portato a concedere a ciascuna comunità etnico-confessionale il diritto di autogovernarsi anche se, ad esempio, la poligamia e l’uccisione dell’apostata in cui credono indistintamente tutti i musulmani, sono in flagrante contrasto con il nostro Stato di diritto.

Il fallimento dei servizi di sicurezza è anch’esso legato a un deficit culturale frutto della tesi ideologica secondo cui l’islam è buono a prescindere mentre i terroristi islamici non sarebbero dei «veri musulmani», anche se – come si è ripetuto ieri – massacrano invocando «Allah è grande» e chiarendo «vendicheremo il nostro profeta Maometto».

Noi europei saremo inesorabilmente condannati ad essere sconfitti fintantoché non prenderemo atto che il terrorista islamico è solo la punta dell’iceberg di un retroterra che l’ha fatto emergere e che si sostanzia di una filiera che inizia laddove si pratica il lavaggio di cervello predicando e inculcando l’odio, la violenza e la morte nei confronti dei nemici dell’islam.

La strage di Charlie Hebdo sostanzia il frutto avvelenato del reato di «islamofobia», il divieto di criticare l’islam, il Corano e Maometto. Si tratta di un pericolo che conosciamo bene anche in Italia.

Quell’atrocità potremmo viverla anche qui a casa nostra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: